Ogma e Ogham

Ogma

Ogma è figlio di Étaín e fratello del Dagda Mór.
Inventore dell’Ogham e campione dei Tuatha de Danann, fa parte della triade divina maschile Trí Dée Dána (tre dei delle arti) insieme a Dagda e Lugh.
È considerato la controparte oscura di Lugh poichè come lui è dio della poesia, ma in più conduce la anime dei guerrieri nell’aldilà.

Ogma è il dio dell’eloquenza, della scrittura; ha potere su tutto ciò che è sregolato, violento, oscuro e magico.
È il dio che lega, associabile a Marte in quanto anche lui esercita la sovranità magico-guerriera.
In qualche modo Ogma racchiude in se due controparti: il guerriero/re e il sapiente/druido, custode dell’occulto. Queste parti vengono divinizzate al massimo in un’unica figura che, appunto, è un dio.
Non c’è da restare sorpresi che questo accostamento resterà fino alla fine della cultura celtica riapparendo con Artù e Merlino.

Il nome Ogimos, altro nome con cui è chiamato questo dio, viene dal greco e significa cammino, sentiero, probabilmente per il suo ruolo di accompagnatore di anime.
Secondo altre fonti si è trovato un rapporto tra Ogma e la parola, il logos.
Questo fa pensare che i nomi Ogimos e Ogma si accordino a vicenda.

Ogma è presente nelle battaglie di Mag Turied, una delle saghe irlandesi più importanti che racconta dei combattimenti tra Tuatha De Danann, gli eroi/dei protettori dell’Irlanda, e i Fomori.
In particolare nella seconda dà un importante contributo alla vittoria dei Tuatha De Danann: Ogma riuscì ad abbattere un terzo dell’esercito dei fomori e affrontò il loro re, Indech mac Dé Domnann, in un duello in cui entrambi persero la vita.
Nonostante la sua morte riapparirà in un paio di episodi successivi, probabilmente flashback.
Storia che lo vede protagonista è quella in cui ritrova Orna, la spada di Tethra, un altro re dei Fomori, la quale gli parla rivelandole le imprese passate e contribuendo alla vittoria.

Il mito vuole che il primo messaggio scritto da Ogma fosse composto da sette b incise su una betulla per avvertite Lugh: “tua moglie verra tratta nell’oltretomba per sette volte, a meno che la betulla non la protegga”.

 

Schermata 04-2457487 alle 11.46.29


Ogham

Ecco l’alfabeto per intero:

B beith – betulla
L luis – sorbo selvatico
F fearn – ontano
S saille – salice
N nion – frassino

H uath – biancospino
D duir – quercia
T tinne – agrifoglio
C coll – nocciolo
Q ceirt – melo selvatico

M muin – vite
G gort – edera
NG ngétal – giunco
Z straif – prungolo
R ruis – sambuco

A ailm – abete argentato
O onn – ginestrone
U úr – erica
E edad – pioppo bianco
I idad – tasso

L’alfabeto comprende venti lettere diverse chiamate feda, distribuite in quattro serie chiamate aicmí (famiglie).
Ogni aicme prende il nome dalla prima lettera, quindi Aicme Beith, Aicme Uath e così via.
I primi tre aicmí sono composti da consonanti, l’ultimo da vocali.

Il nome Ogham craobh, come già visto, significa scrittura arborea.

Secondo i druidi le tre parti da cui sono formati gli alberi: radici-tronco e rami; corrispondono alle parti da cui sono fatti gli uomini: corpo, mente e spirito. Questa visione tripla di può ritrovare in molti simboli celtici, come ad esempio il triskel.

Come afferma Robert Graves gli Ogham vanno tracciati dal basso verso l’alto per richiamare la crescita dell’albero e l’elevazione verso il cielo.

Oltre che per le incisioni sulla corteccia e roccia un altro modo che avevano per comunicare era quello di legare insieme le foglie degli alberi, associate alle lettere, per formare parole e frasi.

___________________________________________

Spero di non sembrare troppo monotematica ma avendo poco tempo a causa della tesi sempre più vicina e non volendo trascurare il blog e gli studi ho deciso di focalizzarmi su un unico argomento che volevo approfondire -letteralmente- da anni.

È iniziato tutto il mese scorso quando un’amica mi ha indicato il sito Wattpad notando che c’era chi parlava della wicca e paganesimo facendo un misto assurdo tra le cose, e quindi abbiamo deciso di provare ad alzare un pochino il livello pubblicando anche noi. (Non che mi reputi chissà quale esperta, ma basta aver letto un singolo libro per poter dire cose più sensate rispetto a quelle che giravano).
Questo mi ha motivata abbastanza per iniziare a lavorare seriamente a un unico argomento che per la tradizione che seguo penso sia anche abbastanza importante.

Tutto quello che scrivo riguardo gli ogham lo pubblicherò sempre qui ma probabilmente più lentamente, perchè mi da fastidio non intervallare più argomenti per paura di annoiare.
Però se volete portarvi un pochino più avanti o vi interessa un albero specifico di cui potrei aver già parlato ecco qua il link: Ogham: l’alfabeto dei celti.
La grafica carina del sito mi impone di essere un minimo professionale, ma è un lavoro che sto facendo unicamente per me stessa e non un libro vero e proprio, quindi ognuno può sentirsi libero di utilizzarlo come meglio crede!

Vi link i lavori di chi conosco, per chi fosse interessato:

Neopaganesimo: Serietà, Pratica e Verità.
Celtegh Medhelan – Milano celtica

E se avete qualcosa di bello da scrivere vi invito a usare il sito, penso che se si iniziasse a usare seriamente (e non per le sciocche fan fiction o wiccanwannabe) potrebbe venir fuori qualcosa di molto interessante per tutti i pagani italiani. 🙂

Advertisements

About Stargazer_Aliya

24 anni. Amo gli animali, i videogiochi, i libri e i film (il mio genere preferito è il fantasy). Il mio blog tratta di tematiche pagane, una sorta di 'diario online' per il mio percorso. https://stargazeraliya.wordpress.com/ :D
This entry was posted in ogham, Paganesimo and tagged , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s